Secondo speciale dedicato alle novità nel gameplay di FIFA 19: stavolta è il turno del nuovo sistema di tiro, sistema a cui EA Sports ha dato il nome di Timed Finishing

Questo nuovo meccanismo permette, se si ha un ottimo tempismo, di ottenere tiri più potenti e più precisi .

Questa è la descrizione che EA Sports da sul sito ufficiale su quella che in italiano è chiamata “Finalizzazione a tempo”:

Finalizzazione a tempo
Ora è l’utente a determinare la precisione dell’impatto con il pallone, grazie al sistema della finalizzazione a tempo hai un nuovo livello di controllo su ogni tiro. Puoi attivare la finalizzazione a tempo premendo due volte il comando per il “tiro” quando tenti la conclusione. La precisione e il tempismo con cui viene premuto il comando per la seconda volta determina l’impatto con la palla. I tiri effettuati con un tempismo perfetto risulteranno più precisi e potenti, mentre quelli con un tempismo scarso avranno più possibilità di mancare il bersaglio. Sia che si tratti di una conclusione da fuori area, un colpo di testa di precisione o un tocco rapido, la finalizzazione a tempo garantisce un livello di controllo maggiore in FIFA 19

Prima di proseguire è opportuno sottolineare che le novità riguardano anche i pulsanti utilizzati per effettuare le varie tipologie di tiro. I comandi indicati di seguito sono quelli di default.

  • Con B (su Xbox One) o “Cerchio” su PS4, si ottiene il classico tiro, presente nelle edizioni precedenti
  • Con la pressione contemporanea anche di RB (Xbox) / R1 (Ps4) si effettuerà il tiro di precisione
  • Il driven shot, il tiro rasoterra più “amato/odiato” di FIFA 18, che quest’anno si eseguiva con la doppia pressione del pulsante del tiro in FIFA 19 va invece a prendere il posto del vecchio tiro di precisione e quindi si effettua premendo contemporaneamente LB+RB+B su Xbox e L1+R1+Cerchio su PS4

Ma la caratteristica più importante, ed a ciò ci si riferisce EA Sports quando parla di Timed Finishing, è l’effetto che  ha con il secondo “tap” ossia con la seconda pressione del pulsante del tiro, pochi istanti dopo quella iniziale. Le parole chiave di questo nuovo sistema sono “Rischio” e “Ricompensa”

Proviamo a spiegare nel dettaglio come funziona: innanzitutto bisogna premere, come sempre facciamo il pulsante di tiro. Subito dopo, nel momento in cui il piede del giocatore sta per toccare il pallone, si potrà premerlo una seconda volta: se la sincronizzazione è perfetta il tiro sarà più potente e preciso, se invece il tempismo sarà errato si correrà il rischio di vedere il pallone terminare fuori o addirittura sugli spalti.

Questo secondo, opzionale, “tap” può essere applicato ad entrambe le tipologie di tiro, sia quello classico che quello rasoterra.

Importante sottolineare che:

  1. Non è assolutamente obbligatorio utilizzare il timed finishing. E’ una scelta che ognuno di noi deve fare in base alla situazione decidendo se correre o meno il rischio. E’ evidente che se un giocatore è libero e smarcato sarà più semplice trovare il tempismo giusto. Se invece si è sotto pressione sarà più difficile
  2. Premendo una sola volta il pulsante del tiro, si effettuerà ESATTAMENTE la stessa conclusione dello scorso anno. Non deve tratte in inganno il fatto che appaia la “barra” che funge da indicatore del Timed Finishing che serve solo come riferimento nel caso volessimo premere per la seconda volta il pulsante e sfruttare questa possibilità.
  3. E’ possibile anche scegliere, dalle impostazioni controller, di disattivare del tutto il Timed Finishing
  4. E’ possibile anche mantenere attivo il Timed Finishing ma disattivare l’indicatore. Ovviamente in tal caso sarà più difficile trovare il momento giusto ma crediamo che valga la pena allenarsi in tal senso poichè, secondo alcune indiscrezioni, nella Weekend League, un po’ come accade per la freccia dei calci di rigore, l’indicatore potrebbe essere non disponibile. Disattivando la barra si avrà comunque un’indicazione relativa al più o meno corretto tempismo: il “triangolo” che come di consueto si trova sopra al giocatore che controlliamo, diventerà con i bordi verdi in caso di buona sincronizzazione, con i bordi rossi in caso contrario.

Questo video di EA Sports illustra il funzionamento della Finalizzazione a tempo

Le due linee bianche, visibili nel video, si muovono dalle estremità fino al centro della barra. Il momento giusto per premere per la seconda volta il pulsante del tiro è quando entrambe sono nella zona verde: più vicine saranno fra di loro, più il tiro sarà potente e preciso 

Disattivare il trainer e mantenere attivo solo l’indicatore del Timed Finishing

Nel caso si voglia disattivare il trainer ma mantenere attiva la barra relativa alla finalizzazione a tempo bisogna utilizzare le impostazioni illustrate nelle seguenti immagini

Nel menù Impostazioni Controller, prima dell’inizio della partita verificare che:

  • Trainer sia settato su Mostra
  • Finalizzazione a tempo su: SI (mettete su NO se volete disattivare totalmente questa funzione)

Da sottolineare che in questa sezione è anche possibile disattivare l’indicatore “Icona Cambio secondo difensore”, ossia il triangolo di colore grigio che appare sulla testa del giocatore a cui passerà il controllo premendo l’apposito tasto (RB su Xbox, R1 su PS4) o che andrà a fare il raddoppio

Nel menù trainer, disponibile mettendo in pausa il match configuare tutto come segue:

  • Stato: Mostra
  • Modalità Movimento e meccaniche
  • Pulsanti – Modalità: Automatico
  • Indicatore ricevitore passaggio: NO
  • Altezza tiro: NO
  • Indicatore finalizzazione a tempo: SI

Trainer Timed Finishing

Videotutorial sul Timed Finishing di Nicolò “Insa” Mirra

Il pro player della AS Roma, nonchè EA Game Changer, Nicolò Mirra ha pubblicato un videotutorial dedicato al Timed Finishing. Congisliamo a tutti di vederlo:

Fifa 19 sarà disponibile ufficialmente a partire dal 28 settembre su PS4, Xbox One, PC e Nintendo Switch. Come lo scorso anno saranno rilasciate 3 versioni, quest’anno ribattezzate con il nome di Standard Edition, Champions Edition e Ultimate Edition. Le ultime due consentiranno l’accesso al gioco con 3 giorni di anticipo, ossia dal 25 settembre.